La crème de la crème

Tra tutte le creme quella che fa più gola di tutte è senza dubbio la Crema Chantilly, nata in Francia diversi secoli fa nel castello Chantilly. Da non confondere con la Crema Diplomatica (una versione italianizzata del dolce francese) in quanto la Chantilly è composta da panna liquida, polpa di vaniglia e zucchero (la diplomatica è creata dall’unione della crema pasticciera e la chantilly per intenderci). E’ vero, nonostante i 3 ingredienti, può sembrare semplice da fare… ma non è così. Innanzitutto la panna deve essere grassa, quelle magre, come dice il nome, sono fuori luogo per un dolce (battuta scontata) Essendo già abbastanza grassa, anche grazie alla presenza della polpa di vaniglia, è meglio non eccedere con lo zucchero perché potremmo ritrovarci una crema pesante e stucchevole. Di vitale importanza è la montatura di quest’ultima: purché sia perfetta deve rimanere abbastanza liquida, quindi quando si vedono i primi “ciuffi” tipici di quando si monta l’uovo a neve è meglio smettere. Mi dispiace non essere patriottico questa volta ma secondo me la crema chantilly supera di gran lunga la diplomatica. E voi?

Crema Chantilly: 5 errori da non fare

@babsfoud

Join the conversation

There are no comments, add yours